Open House Torino: la carica delle 111 meraviglie architettoniche in città

open house

Sovente capita di ritrovarmi ad osservare un palazzo, un portone, un cortile della mia bella Torino. Tale ammirata osservazione è sempre accompagnata da un interrogativo: chissà cosa c’è oltre, quali storie nascondono i suoi corridoi e le sue stanze, e chissà se mai li vedrò con i miei occhi. Mi piace descrivermi come una sorta di sabauda (e castano-ramata) Alice nel Paese delle Meraviglie attratta da luoghi inaccessibili, dall’ ancestrale richiamo del “non si tocca”, afflitta da un’ inguaribile curiosità. O ficcanasaggine, come direbbe mia madre.

Se anche voi viaggiate ad occhi aperti davanti ad un cancello chiuso, leggete attentamente le seguenti righe, prendete un post-it e segnate le date del 10/11 giugno 2017. Perché grazie ad Open House quei cancelli, quei portoni, quei palazzi stanno per aprire, per voi.

NH Hotel Carlina Torino
NH Carlina [photo credits Barbara Corsico]
Open House arriva a Torino e lo fa in grande stile, rendendo accessibili per due giorni ben 111 spazi pubblici e privati del centro città e zone limitrofe, con visite guidate totalmente gratuite. L’evento fa parte di un’ organizzazione globale con sede a Londra, fondata da Victoria Thornton nel 1992 con lo scopo di far conoscere luoghi di solito chiusi al pubblico nelle principali città del Mondo; il network è giunto in Italia con le edizioni di Milano e Roma, ed ora tocca a Torino svelare i suoi angoli “segreti” in una due giorni all’ insegna del motto open doors, open eyes, open mind.

“Quando ho deciso di portare Open House a Torino avevo ben chiaro il patrimonio architettonico della nostra città – spiega Luca Ballarini, fondatore e presidente dell’ Associazione Open House Torino – è successo due anni fa, a Londra, quando per un weekend, noleggiata una bicicletta, ho potuto visitare ben 40 architetture diverse, passando dalla community di Walter Segal con le case auto-costruite, alla sede di Som, che costruisce grattacieli, fino a vere e proprie chicche lungo i canali, che non avrei mai potuto visitare se i proprietari non avessero aperto le porte, durante Open House. Mi sono innamorato immediatamente del format e ho deciso di portarlo a Torino, pensando alla lunga storia della nostra città, che fu romana, poi capitale dei Savoia, con un senso di visionarietà e l’ambizione di trasformarla in capitale europea, poi centro di sviluppo del barocco e infine culla del modernismo. La nutrita community di architetti locali contemporanei poi si è fatta coinvolgere facilmente nel progetto. Non è la prima volta che si cerca di portare Open House a Torino, ma questa volta non ci siamo fermati davanti agli ostacoli”.

Villad'Agliè_fotoLuisaPortaDanieleRatti_2.jpg
Villa d’Agliè [photo credits: Luisa Porta|Daniele Ratti]
Una Torino che si è rivelata ancora una volta aperta alle nuove iniziative, aderendo con entusiasmo al progetto che, pur essendo alla sua prima edizione, sta già riscuotendo un notevole interesse mediatico. Una Torino permeata di creatività fra passato e futuro, insignita del titolo di Città Creativa per il Design Unesco nel 2014, l’unica italiana della categoria. C’è di che vantarsi, bonariamente e con il tipico understatement che contraddistingue noi sabaudi.

Scorrete l’elenco dei luoghi sul sito della manifestazione e meravigliatevi per la loro quantità, qualità e soprattutto per la loro eterogeneità. Dagli appartamenti privati dal design originale ai villini liberty di Cit Turin e San Donato, da edifici riqualificati e trasformati in centri culturali o terziario come l’ex INCET o il Lanificio di Torino alle case-studio dei professionisti come Zucca Architettura Factory e Studio Carlo Ratti Associati, passando per hotel di design contemporaneo come l’ NH Carlina e il Duparc Contemporary Suites, senza dimenticare dimore di pregio storico quali Palazzo Bricherasio, Palazzo Birago di Borgaro, Palazzo Saluzzo Paesana e Villa d’Agliè in collina.

Insomma, ogni aspetto architettonico del capoluogo piemontese è presente e pronto per essere ammirato, orgogliosa parte delle mille sfaccettature della città. Un encomio speciale va al nutrito team di volontari – se ne contano oltre 300! – che si occuperà del sostegno ai padroni di casa durante le visite, e a Laura Cardia, creatrice del blog Rotta su Torino che mi ha fatto conoscere il progetto.

PalazzoSaluzzo di Paesana_fotoBarbara Corsico_3.jpg
Palazzo Saluzzo Paesana [photo credits: Barbara Corsico]
Tutti gli appuntamenti, le schede e gli orari di Open House li trovate al link www.openhousetorino.it

 

 

 

 

 

4 commenti

  1. Non conoscevo questa iniziativa, che cosa pazzesca! Spero di riuscirmi a organizzare perché è davvero un’ottima occasione per conoscere meglio Torino. Dalle mie parti viene organizzata ogni anno un’iniziativa simile ma moooolto più in piccolo: si chiama Da Cortile A Cortile e permette di entrare nei cortili delle abitazioni private del centro storico.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...