I luoghi del cuore di Dire Fare Mole: piazza San Carlo

Nelle mie interviste, o meglio chiacchierate virtuali come amo definirle, porgo sempre all’ interlocutore di turno la fatidica domanda “Qual è il tuo luogo del cuore di Torino”?

Ammetto che è la risposta che leggo o ascolto con maggiore curiosità. La scelta di un luogo è collegata alla personalità, al proprio vissuto, alle emozioni… per questo mi piace scorgere, dietro alle risposte che ricevo, l’animo della persona, il suo modo di essere, pensare, vivere.

Le opinioni raccolte sono le più disparate, così come sfaccettata e sorprendente è la nostra Torino. Ma ora tocca a me!

Questo primo articolo sui luoghi del cuore lo dedico a quella che – a mio parere – è la piazza più bella della città, talmente bella da essere conosciuta con l’appellativo di “salotto di Torino”: piazza San Carlo.

12648182_10208715379106867_1005597973_n
Piazza San Carlo [photo credits: Dire Fare Mole]
Emblema della rigorosa eleganza sabauda, piazza San Carlo è da sempre uno dei luoghi torinesi che più mi emozionano, specialmente da quando, in occasione delle Olimpiadi Invernali del 2006, è stata resa totalmente pedonale. Passeggiare sotto i suoi portici dal sapore retrò, oppure sostare all’ ombra del celeberrimo Caval’d Brons, è un rito pieno di fascino e senza tempo.

Rettangolare, nobile, deliziosamente austera proprio come Torino: piazza San Carlo è quasi un punto di congiunzione fra piazza Castello e piazza Carlo Felice, tutte legate dalla centrale via Roma.

Ma iniziamo dal principio. Quando fu costruita piazza San Carlo?

La sua progettazione risale al XVII secolo, epoca d’oro della casata dei Savoia. Torino, divenuta capitale sabauda nel 1563 –dopo il trasferimento da Chambery voluto dal duca Emanuele Filiberto– stava attraversando un’epoca di pieno fermento e trasformazione. Una capitale necessitava di un aspetto all’ altezza, così i duchi di Savoia commissionarono grandi opere di ampliamento e ristrutturazione cittadina ai più rinomati architetti ed artisti del tempo. Il risultato? Magnifici palazzi di gusto barocco, ampi viali e maestose piazze, come appunto la nostra piazza San Carlo, progettata da Carlo di Castellamonte ed inaugurata nel 1638, con successive modifiche di Benedetto Alfieri.

Il San Carlo in questione è San Carlo Borromeo, vissuto nel XVI secolo, arcivescovo di Milano particolarmente devoto alla Sindone; a lui è dedicata anche una delle due chiese gemelle poste su un lato della piazza, insieme a quella di Santa Cristina, voluta dalla prima Madama Reale, Maria Cristina di Francia, reggente per il figlio Carlo Emanuele II.

12209303_10208169933271062_1814934516_o
Chiesa di Santa Cristina [photo credits: Dire Fare Mole]
La chiesa di Santa Cristina, che presenta ancora oggi una solenne facciata barocca “firmata” da Filippo Juvarra, fu talmente amata da Madama Reale da volervi essere sepolta , come effettivamente avvenne alla sua morte nel 1663.

Ai lati delle due chiese, si aprono i meravigliosi portici della piazza, dai quali occhieggiano sontuose boutique e soprattutto caffè storici come il San Carlo (il primo locale d’Italia ad avere avuto l’illuminazione a gas) , il Torino, il Neuv Caval’d Brons. Sedersi in una delle deliziose sale dei caffè a sorseggiare un bicerin d’inverno, o approfittare dei dehor in estate per godersi la piazza all’ ora dell’aperitivo, sono esperienze che chi viene a Torino deve provare per gustare appieno il sapore della città, un sapore di cioccolato misto a vermouth, shakerato con secoli di storia. Sopra i portici, si affacciano gli splendidi edifici barocchi, palazzi nobiliari dall’ elegante color crema, sovrastati da lunghe file di abbaini che conferiscono alla piazza un aspetto di caratteristica uniformità. Una nota curiosa per gli amanti della Storia: alcune facciate degli edifici presentano ancora i segni dei vari assedi subiti dalla città, come ad esempio una palla di cannone incastonata nel muro di palazzo Solaro del Borgo dal 1706, oppure proiettili di artiglieria dei bombardamenti avvenuti durante l’occupazione napoleonica.

Ma il vero simbolo di piazza San Carlo si trova al centro. In tutta la sua fierezza, ecco il monumento equestre dedicato al già citato duca Emanuele Filiberto, noto a tutti come Caval’d Brons.

Il cavallo di bronzo ed il suo cavaliere sono considerati fra gli emblemi di Torino, al pari della Mole e dei Toret. Il monumento, opera di Carlo Marochetti, fu voluto nel 1831 da Carlo Alberto: il sovrano sabaudo intendeva celebrare così uno dei suoi più illustri antenati, facendolo rappresentare nell’ atto di rinfoderare la spada dopo la vittoria riportata alla battaglia di San Quintino (1557), che segnò la fine di mezzo secolo di dominio francese in Piemonte e la restituzione dei territori legittimi ai Savoia.

Il piccolo tour di piazza San Carlo non può non concludersi con una capatina sotto i portici di destra –arrivando da piazza Castello- dove “risiede” un altro dei simboli della città: il toro rampante, posto sulla pavimentazione del porticato. La tradizione vuole che una strofinatina al toro bronzeo sia di buon auspicio. Quindi, che ci crediate o no, non lasciate la piazza senza aver fatto un saluto al toro. Perché si sa che a Torino, ogni luogo è buono per creare una piccola magia!

12234891_954498371290239_4043292909399411589_n
Caval’d Brons [photo credits: Dire Fare Mole]

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...