Cosa vedere a Rivoli: la città raccontata dalle Instagramers Ylenia Rosson e Daniela Merlo

Nel suo romanzo “Le città invisibili”, Italo Calvino scriveva che “Di una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.”

Rivoli è una città a cui sono legata in modo particolare e che negli anni ha risposto ad un gran numero di mie domande. Vivo a dieci minuti di distanza da questo paesone di quasi 50.000 abitanti incorniciato da colline moreniche che aprono la strada verso la Valle di Susa, vigilato dal Castello Sabaudo (Patrimonio Unesco insieme alle altre Residenze Reali e sede del Museo d’ Arte Contemporanea), meta di lunghe passeggiate sue giù per la ripida via Piol o di merende a base di cioccolata calda da Moine in inverno e di gelato della Romana in estate.

Rivoli è bella e ha tanto da raccontare. Come i suoi abitanti, come Ylenia Rosson e Daniela Merlo. Ylenia e Daniela sono due Instagramers ma prima di tutto due rivolesi DOC, perdutamente innamorate del posto in cui vivono. Potete scorgerle saltellanti qua e là per il centro di Rivoli, a volte con smartphone alla mano, altre con reflex, intente ad  immortalare le bellezze della cittadina. Bellezze che vengono poi condivise nelle rispettive gallery ___picsyly___cipnero, oltre che nelle community di fotografia da loro amministrate super_piemonte_channel, super_aosta_channel e super_torino_channel .

26284040_1744458322245031_2581158349986856960_n
Ylenia Rosson

Lo sapete, cari lettori, Dire Fare Mole ha una missione ben precisa, quella di farvi scoprire ciò che abbiamo intorno alla nostra Torino, ciò che c’è oltre la Mole. Perché ogni angolo del territorio piemontese merita di essere conosciuto nelle sue mille sfumature, nelle sue ricchezze inestimabili. E chi meglio di Ylenia e Daniela può trasmetterci lo spirito del luogo che chiamano casa? 

Ecco la loro intervista doppia!

2018-01-17 09.01.55
Daniela Merlo

 

 Cosa vuol dire per te vivere a Rivoli?

Ylenia “Per me vivere a Rivoli significa godere delle atmosfere sabaude nell’ architettura del centro, nei caffè storici con i prodotti tipici piemontesi, nel suo stile raffinato ed elegante, senza essere immersi nel caos della città. Significa respirare arte e natura, a pochi passi da Torino.”

IMG_20180102_155812_115
Via Santa Croce e Chiesa di Santa Croce [credits: Ylenia Rosson]
DanielaSvegliarsi in un luogo tranquillo è un desiderio di tutti, io ho questa possibilità abitando a Rivoli. Questa città che amo, che vivo e che mi ha vista nascere offre un’ ampia scelta di servizi. Abbiamo nel centro storico via Piol, via principale che divide la parte storica da quella più moderna. In via Piol ci sono numerosi negozi che offrono una scelta diversificata di merci, alimentari e non. Purtroppo in questi anni molti locali sono stati chiusi, fra cui esercizi commerciali storici, il tutto come, in altre città, soppiantato dai grandi centri commerciali. In ogni caso, la qualità di quelli rimasti resta alta. È un piacere passeggiare nelle vie che alternano palazzi storici a case ristrutturate, senza alterarne l’ architettura originale.

Per quanto riguarda il capitolo servizi, abbiamo nella prima cintura un grande Ospedale con specializzazioni e reparti all’ avanguardia, e in centro città poliambulatori privati e ASL di competenza. Una rete di autobus attraversa le vie ed è molto comodo il servizio bus 17. In diversi giorni della settimana, a partire dal martedì e fino al venerdì, si possono apprezzare i vari mercati rionali collocati in tutti i punti della città. Per quanto riguarda l’ istruzione, abbiamo numerosi plessi scolastici, dagli asili nido alle scuole professionali. Tirando le conclusioni, direi che è una città vivibile e comoda. È vero che ci sarebbero cose da migliorare ma non ci possiamo lamentare. Insomma, consiglierei a qualcuno di venire a vivere a Rivoli? Certo che si!”

2018-01-03 16.45.47
Centro storico di Rivoli [credits: Daniela Merlo]
Qual è il tuo posto del cuore rivolese?

YleniaIl mio posto preferito è senza dubbio il Castello, con la sua vista panoramica su Torino e la collina di Superga. Ci vado spesso quando ho voglia di rilassarmi un po’, godendomi le luci della città e il suono delle campane delle chiesette del centro storico sottostante. E’ un posto di grande tranquillità e molto romantico, lo consiglio vivamente alle coppie e ai cuori solitari.

17126762_132466333947223_2094505007360507904_n
Castello di Rivoli [credits: Ylenia Rosson]
DanielaAvendo la possibilità di viverci e passeggiarci, il mio posto preferito è senza ombra di dubbio il bellissimo Castello. Partendo da casa mia, la salita che porta dal quartiere di Borgo Nuovo al piazzale è ripida ma quando ti ritrovi lassù e, nelle giornate serene, magari ventose (qui il vento non manca!) hai davanti uno spettacolo che spazia fino a raggiungere con la vista la Basilica di Superga, capisci che è valsa la pena faticare.

Avevo dimenticato una chicca: la bellissima Rivoli ha un grande vantaggio, quello di avere a pochi passi dal Castello una passeggiata che attraversa tutta la collina morenica e giunge fino al vicino comune di Reano. Attraversa boschi incantati e ci si può camminare agevolmente. Troverete gente che corre, che passeggia con amici a quattro zampe e che sfreccia con biciclette mountain-bike. Ovviamente il transito di auto è vietato tranne che per i residenti.”

2018-01-03 16.45.20
Castello di Rivoli [credits: Daniela Merlo]
Suggerisci ai lettori di Dire Fare Mole un itinerario rivolese per una mezza giornata di esplorazione!

Ylenia “Sicuramente proporrei un itinerario “in salita”, lungo la via principale del centro storico, via Fratelli Piol, che porta tra le braccia del Castello. Il mio è un percorso di tipo culturale, ma che sa davvero ripagare la fatica della camminata in pendenza (per i poco allenati come me, si intende!) con scorci d’altri tempi e vere e proprie chicche d’arte.

Come prima tappa, dopo aver sfilato lungo le vetrine dei negozi della via principale, si passa davanti la Casa del Conte Verde, dimora sabauda del tre – quattrocento appartenuta al conte Amedeo VI di Savoia ed ora adibita all’allestimento di mostre temporanee molto interessanti, spesso di artisti piemontesi. Proseguendo ci si addentra nel cuore del centro storico, con le sue chiesette secentesche ed i suoi quartieri rimasti come un tempo, che danno quasi la sensazione di fare una passeggiata in un’altra epoca storica. Alla fine della salita svetta il Castello, Patrimonio dell’ Umanità UNESCO dal 1997, oggi una delle sedi museali di Arte Contemporanea più importanti d’Europa. Consiglio davvero un tour al suo interno, dove potrete ammirare le stanze juvarriane e gli arredi originali far da cornice alle collezioni permanenti e temporanee di arte moderna e contemporanea, in un gioco di contrasti e contrapposizioni che vi lasceranno sicuramente stupiti!”

IMG_20180102_131937_835
Casa del Conte Verde [credits: Ylenia Rosson]
Daniela “Per apprezzare le bellezze della mia Rivoli direi che principalmente si dovrebbero visitare il Castello, la Torre della Filanda e la Casa del Conte Verde. Si trovano tutti nella passeggiata che porta dalla parte superiore della città al basso. Infatti se decidete di visitare Rivoli il consiglio è quello di iniziare dall’alto.

Nella parte posteriore del Castello stesso ci sono diversi parcheggi gratuiti, ampi e spaziosi. Se si ha tempo a disposizione una passeggiatina nel vicino parco di San Grato ci può stare. Dopo aver apprezzato le bellezze del Castello, sia come parte espositiva che come struttura e architettura interna, scendiamo verso il centro città e come primo punto di interesse abbiamo la Torre della Filanda. Dopo questa visita ci infiliamo nel vero e proprio centro storico, trovandoci in piazza Matteotti dove ci imbatteremo nella prima sede del Municipio; particolare interesse desta (sulla sinistra) una dimora patronale ottocentesca, a metà della via Piol troviamo invece la Casa del Conte Verde. Sempre proseguendo nella nostra visita al fondo della via e leggermente decentrata, abbiamo la Villa Cane D’ Ussol, anch’ essa ex sede del Municipio. Queste sono le principali cose da vedere in città, avendo più tempo ci si può addentrare nelle vie che si intersecano e che offrono scorci molto interessanti. Avremo così modo di vedere alcune chiese storiche – purtroppo non tutte aperte – di particolare interesse e bellezza come la Chiesa di Santa Croce restaurata recentemente, e piazzette più defilate che fanno parte della parte vecchia di Rivoli. Infine, in via Rombò si potrà addirittura vedere un antico lavatoio.”

2018-01-03 16.43.23
Via Santa Croce e Chiesa di Santa Croce [credits: Daniela Merlo]

 

 

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.