Leggere Torino e dintorni: 3 Libri da mettere in valigia (o da sfogliare in città)

Metà luglio, c’è profumo di ferie nell’ aria. Lo sentite, cari lettori? Qualcuno di voi è già on the beach a sorseggiare mojito e a giocare a racchettoni, che verranno poi provvidenzialmente riposti in cantina fino all’ estate 2018?

Queste per me saranno vacanze particolari, formato ridotto. L’ organizzazione del #myturinwedding richiede tempo e risorse e, di conseguenza, abbiamo deciso di fare solo qualche breve fuga verso la Liguria e le montagne giusto per ricaricare le pile, in attesa dell’ agognato W- Day e del meritato viaggio di nozze.

A dirvi il vero, non sarà la prima estate a prevalenza torinese che trascorro: mi è già capitato altre volte di non andare in ferie e di potermi concedere solo dei week end lunghi. E sapete cosa? Contrariamente a quanto pensassi, non è stato affatto un dramma. Torino in versione estiva ha una sua bellezza particolare, più morbida, accarezzata dal sole. Amo soprattutto vederla e viverla senza traffico, poter girovagare con il naso all’ insù distrattamente notando particolari che durante il solito tran tran sfuggono, trovare con facilità un tavolo al ristorante… anche senza prenotare!

book-2319957_1280

Una cosa che farò senza dubbio, come ogni estate della mia vita in città o fuori, sarà leggere. Dedicarmi alla lettura è una delle attività che preferisco, e non sempre nel corso dell’ anno leggo quanto vorrei; le vacanze sono quindi l’ occasione giusta per prendere fra le mani un bel libro e viaggiare con la fantasia. Tre sono i libri che mi faranno compagnia nelle prossime settimane, tutti – indovinate un po’ – a tema Torino e dintorni. Già, l’ amore per Torino non va mai in vacanza!

“My Secret Turin” (di Irene Perino, L’ Airone – Gremese Editore, pp. 175): è  il caso editoriale dell’ estate torinese. Colorato, frizzante e leggero, “My Secret Turin” è l’ esordio letterario di Irene Perino, una delle blogger cittadine più conosciute. Irene è colei che ha fondato nel 2011 il primo cityblog sabaudo, Le Millemila cose da fare a Torino, e da allora non si è mai fermata. Guida turistica, social media manager e ora scrittrice, Irene ha ideato “My Secret Turin” alla stregua di una guida in rosa della città, suddivisa in quattro capitoli dedicati alle stagioni.

mysecretturin2

Così, in primavera Irene consiglia di passeggiare per le vie con in mano un gustoso Pinguino di Pepino, in estate di prendere il sole nella nostra spiaggia verde in riva al Po alias il parco del Valentino, in autunno (la mia stagione del cuore) di osservare il foliage e gustare una merenda sinoira, per concludere l’ anno regalandosi una cena invernale in tram, con tanto di torinesissima borsa Borbonese al braccio. Il volume è impreziosito dal tocco delicato della brava Alice Del Giudice, illustratrice per l’ editoria e disegnatrice di cartoni animati.

“Al Ritmo delle Stagioni” (di Tommaso D’ Errico & Alessia Battistoni, pp. 352): un libro fresco di stampa che attendo con grande trepidazione nella mia buca delle lettere, per poterlo portare con me durante i week end montani. Sì, perché la montagna piemontese è la protagonista assoluta di questo libro speciale, il racconto di una coppia laziale che ha deciso di dare una svolta radicale alla propria vita trasferendosi in Valle Maira (provincia di Cuneo). Loro sono Tommaso D’ Errico, 35 anni, grafico web designer, e Alessia Battistoni, 31 anni, biologa. Si definiscono “due trentenni stanchi della città, che hanno scelto di percorrere una strada alternativa, un’esperienza di vita a contatto con la natura per cercare la felicità al ritmo delle stagioni” , stagioni narrate nel volume acquistabile per ora solo online cliccando qui.

al ritmo 3

Fra le pagine di “Al Ritmo delle Stagioni” scopriremo le motivazioni che hanno portato i protagonisti all’ insolita scelta e le difficoltà per metterla in pratica, capiremo cosa significa vivere in una borgata, lontano dagli agi della città, imparando l’ autoproduzione e ricercando una connessione con la natura, che sembra ormai perduta per la nostra generazione assorbita dalla modernità. Consigliato agli amanti delle Alpi, ai sognatori e ai coraggiosi. Proprio come Tommaso e Alessia.

“Castelli Maledetti – Piemonte e Valle d’ Aosta” (di Nico Ivaldi, Editrice il Punto – Piemonte in Bancarella, pp. 269 ): fans delle storie di fantasmi, anime gotiche sospese fra Tim Burton ed Edgar Allan Poe, a me gli occhi! Ho ricevuto “Castelli Maledetti – Piemonte e Valle d’ Aosta” di recente per il mio 33° compleanno, e chi me l’ ha regalato sapeva bene quanto lo avrei adorato: il mix Piemonte + Mistero è per me irresistibile! Tuffandovi nelle oltre duecento pagine dell’ ottava opera di Nico Ivaldi – laura in Lettere Moderne e collaborazioni con giornali e uffici stampa all’ attivo – proverete più di un brivido, anche se fuori ci saranno 30 gradi e il vostro gelato si starà squagliando al sole.

fenis

Le settantacinque storie ripercorse dall’ autore ci narrano di tempi lontani, di leggende tramandate di secolo in secolo a base di spettri senza testa, quadri maledetti, carrozze di fuoco, prigionieri murati vivi, passando dalle colline di Langhe e Monferrato, sfiorando Torino e approdando fra le vette della vicina Valle d’ Aosta, costellata di castelli meravigliosi. Le mie mete “da paura” preferite? Il castello della Rotta di Moncalieri, conosciuto come il maniero più infestato d’ Italia (con tanto di cavaliere templare fantasma a cavallo!), il castello di Avigliana, fra le cui mura semidistrutte pare si trovi un tesoro, e il valdostano Fénis, set del film “Fracchia contro Dracula” con il compianto Paolo Villaggio e casa di uno spettro bambino ucciso dalla sua matrigna. Attenzione agli incontri ravvicinati, ghostbusters sabaudi!

3 commenti

  1. I tuoi consigli sono sempre ottimi! Tra tutti quello che mi ispira di più è l’ultimo perché nemmeno io so resistere al mix castelli (piemontesi) + fantasmi. Chissà se c’è anche il castello di Pocapaglia, dove abito io? C’è tanto mistero intorno a questa struttura, magari trovo qualche risposta in questo libro 😉

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...