Un viaggio dal sapore vintage con il tranvai Sassi-Superga

11755649_895918417148235_7950392986534045716_n
[photo credits: Dire Fare Mole]
Oggi vi parlerò di un tram un po’speciale.

Il termine “tram” è a dire la verità improprio.

Il mezzo di trasporto in questione è molto più piccolo, affronta un viaggio assai breve, e va su una ferrovia… a dentiera.

Niente panico, non sto parlando di dentisti! Bensì della tranvia Sassi-Superga, un gioiello di trasporto urbano vintage inserito nella linea GTT (Gruppo Trasporti Torinesi) dedicata ai servizi turistici.

La più bella immagine che possa colpire l’occhio umano” affermava affascinato il filosofo Jean-Jacques Rousseau a proposito di Superga.

 Superga, si sa, è da sempre una delle mete preferite da sabaudi e non, e dai sempre più numerosi turisti che affollano la nostra città. La magnifica basilica del XVIII secolo, fondata dopo un voto alla Madonna del Duca (poi diventato Re) Vittorio Amedeo II di Savoia, con le tombe della Real Casa, i pellegrinaggi sportivi dei tifosi del Toro, la vista mozzafiato su Torino, che si perde nei giorni più tersi fino all’ imbocco della Valle di Susa: tutto contribuisce a rendere il luogo destinazione prediletta in tema di gite torinesi.

I più raggiungono Superga in macchina, forse non sapendo che si può prolungare il piacere della visita godendosi un tragitto nel verde della collina, senza il pensiero della guida e del parcheggio (il che è a mio parere un enorme valore aggiunto!). Come? Grazie alla tranvia a dentiera, o cremagliera, che parte dalla stazione Sassi, situata in piazzale Modena.

11143384_894827053924038_8072556048686763451_n
[photo credits: Dire Fare Mole]
L’attuale tranvia –il termine deriva dall’inglese tramway– è attiva dal 1935, ma la linea fu inaugurata nel lontano 1884: dapprima funicolare a vapore, fu poi convertita in cremagliera elettrica. I mezzi, recentemente restaurati, offrono un breve ma suggestivo viaggio nel tempo. Vale davvero la pena percorrere i 3 km che separano la stazione Sassi da Superga facendosi cullare dal passo lento –la velocità massima è di 14 km/h!- del tranvai, circondati dalla natura della collina, giocando a riconoscere i luoghi chiave della città, che a mano a mano che si sale si profilano sotto il nostro sguardo.

I servizi turistici GTT non si fermano a Superga: il ventaglio di scelte è ampio e variegato. Dalla navigazione sul Po con i battelli Valentino & Valentina con imbarco ai Murazzi, al tram storico della linea 7, senza dimenticare l’ascensore della nostra amata Mole … ci sono tanti modi (e tanti mezzi) per scoprire le bellezze di Torino.

A voi la scelta..e buon viaggio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.